AVID Varese onlus

Associazione Volontaria Assistenza Invalidi e Disabili
Martedì, 12 Febbraio 2019 17:27

ALCUNI BONUS E AGEVOLAZIONI PER CHI E' SENZA REDDITO NEL CORSO DEL 2019

Vota questo articolo
(0 Voti)

Alcuni bonus e agevolazioni per chi è senza reddito nel corso del 2019

www.associazione-avid.it <> Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. <> info: 3403303528   

__________________________________________

 

Dai vari bonus, alle bollette, al reddito di cittadinanza, il dentista sociale, un elenco di alcune agevolazioni previste per chi è senza reddito. 

A breve il reddito di cittadinanza e con esso, la pensione di cittadinanza la quale prevede l'innalzamento delle minime, un aiuto ai senza reddito.
Poi altre forme di aiuto al reddito: previsto aiuto a chi non ha lavoro o comunque guadagna talmente poco, da non riuscire a far fronte alle primarie necessità.
Sgravi: esenzioni e bonus per la casa, per la famiglia, per la salute: questi i settori interessati dagli aiuti statali.
Attenzione però perché oltre al requisito reddituale, per ottenere il riconoscimento di queste misure, è necessario essere in possesso di certi requisiti e non risultare possessori di beni di un certo valore.
I bonus e le agevolazioni per la casa, I bonus e le agevolazioni per la famiglia, I bonus e le agevolazioni per le cure mediche , Il conto corrente base, Il reddito di cittadinanza, I bonus e le agevolazioni per la casa, Bonus bollette luce, gas e telefono.
Per le bollette di luce e gas sono previsti sconti variabili in bolletta: per chi ha più di tre figli deve avere un indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro; per i restanti è sufficiente non superare il requisito reddituale annuo di 8.107,50 euro.
Per le bollette telefoniche, se il reddito Isee non supera gli 8.111,23 euro scatta la detrazione del 50% sul canone fisso e si riduce così a 9,50 euro.

Gli aiuti per pagare l'affitto
Richiesta entro il 31-12-2019. Un sostegno rivolto al Comune designati dalla Regione Lombardia e gestito a livello Regionale, è previsto per le famiglie in difficoltà economica che non riescono a pagare l’affitto e rischiano lo sfratto. Nel caso specifico è infatti possibile accedere al Fondo per la morosità incolpevole.  Per accedere a questo aiuto è necessario avere una dichiarazione Isee sotto i 26.000 euro. Esso non potrà essere richiesto da chi avrà diritto al reddito di cittadinanza, visto che questa misura prevede già al suo interno, una componente destinata a sostenere il pagamento dell'affitto.

I bonus e le agevolazioni per la famiglia
Bonus bebè per chi ha figli in arrivo è riconosciuto un aiuto per il primo anno di vita del bambino, va inoltrato entro 90 gg dalla nascita. Per il 2° figlio è stato previsto un aumento dell'assegno nella misura del 20%.  Per il primo figlio da un minimo di 80 euro a un massimo di 160 euro al mese in base all’indicatore Isee; L’indicatore ISEE non deve superare i 25.000 €, se il reddito non raggiunge i 7000 euro l'importo del bonus viene raddoppiato.

Assegno di maternità per mamme disoccupate e casalinghe
L'assegno di maternità viene riconosciuto dal Comune di residenza e pagato per conto dell'Inps. Hanno diritto a questo beneficio le mamme disoccupate o casalinghe che non lavorano o che non hanno versato almeno 3 mesi di contributi nell'ultimo anno e mezzo.  La domanda deve essere presentata al Comune di residenza e poi consegnata per l’invio al CAF entro 6 mesi dalla nascita del bambino. Alla richiesta va allegato l’ISEE

Bonus per le future neo mamme
Il bonus mamma o premio alla nascita viene erogato in un'unica soluzione, nell'importo di 800 euro dal 7° mese di gravidanza anche nel caso di affido o adozione. Ne hanno diritto le cittadine italiane, europee ed extracomunitarie con permesso di soggiorno regolare. La domanda, da presentare per ogni nuovo nato, adottato o in affido, deve essere presentata al CAF.

Bonus istruzione per i figli
Aiuti statali sono previsti anche per l'istruzione dei propri figli attraverso l’esenzione dalle tasse scolastiche per i titolari con indicatore ISEE sotto i 15.748,79 euro; Bonus libri previsto da regioni e Comuni e viene erogato in base a determinati limiti di reddito, che vengono stabiliti annualmente; Esenzione tasse universitarie, per le facoltà statali, per i titolari di un reddito Isee sotto i 13.000 euro; riduzione delle tasse universitarie per i titolari di un reddito ISEE compreso tra i 13.000 e 30.000 euro.

Bonus per i figli a carico
Il bonus per chi ha figli a carico, ovvero che anche oltre i 18 anni, non sono in grado di mantenersi da soli perché titolari di redditi decisamente bassi si traduce in una detrazione fiscale dalle tasse.
Sono considerati figli a carico i figli di età inferiore ai 24 anni, titolari di un reddito annuo non superiore ai 4000 euro (con decorrenza però dalla dichiarazione dei redditi 2020) e i figli con più di 24 anni che percepiscono un reddito annuo che non supera i 2.840,51 euro.

Bonus per le famiglie numerose
Chi ha più di 4 figli, rientrando nella definizione di famiglia numerosa, può beneficiare di un'ulteriore detrazione, rispetto a quella appena vista per i figli a carico, pari a 1.200 euro, indipendentemente dal reddito e dall'intervallo di tempo in cui il figlio risulta non ancora autonomo. Nel caso in cui la detrazione risulti superiore alle tasse dovute, a favore del contribuente si creerà un credito d'imposta.
I bonus e le agevolazioni per le cure mediche
Per quanto riguarda gli aiuti sanitari, sono previste agevolazioni consistenti in prestazioni, a tariffe agevolate o esenzioni vere e proprie per farmaci e cure mediche, in presenza di determinate condizioni e requisiti.
In particolare hanno diritto al dentista sociale e ad agevolazioni particolari sul prezzo del servizio i cittadini:
con un Isee inferiore a 8.000 euro coloro che godono dell'esenzione dal pagamento del ticket per età o patologia o inabili al lavoro con Isee sotto i 10.000 euro;
L'esonero dal pagamento del ticket sanitario
i soggetti di età inferiore ai 6 anni e superiore ai 65 parte di un nucleo familiare con un reddito annuo sotto a 36.151,98 euro;i disoccupati e i loro familiari a carico se il reddito annuo non supera i 8.263,31 euro, che si innalza a 11.362,05 euro in presenza del coniuge e che aumenta di 516,46 euro per ogni figlio a carico

Per approfondimenti: AVID Varese Onlus i volontari della Provincia di Varese.

www.associazione-avid.it  <>  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. <> info: 3403303528

Letto 234 volte Ultima modifica il Martedì, 14 Maggio 2019 09:22